YACHTGARAGE

Yactgarage is the best solution for shipyardsolution, building and design.

Contact

Via Pietro Nenni 13 82100 Benevento (IT) +39 | 3453409350 Mon-Sat, 9:00 am-7:00 pm Mail us info@yachtgarage.com

Follow Us

Trattamento Aria Cantieri Navali: Come funzionano i nostri prodotti

trattamento aria cantieri navali

Trattamento Aria Cantieri Navali: Come funzionano i nostri prodotti

Trattamento Aria Cantieri navali: Secondo le normative ambientali europee l’aria contaminata da qualsiasi agente inquinante prodotta durante le lavorazioni deve essere trattata prima delle emissioni in atmosfera. Volendo generalizzare possiamo dividere tutti gli agenti inquinanti in due grandi famiglie: VOC (volatile organic compounds) e SOV (volatile solvent compounds).
I VOC sono polveri di varie dimensioni che vengono rilasciate in atmosfera durante molti tipi di lavorazioni quali ad esempio i lavori di falegnameria, di sabbiatura ed altri mentre i SOV sono piccole gocce di solventi o fumi che vengono rilasciati in lavorazioni quali la verniciatura e la resinatura. In alcuni casi, come ad esempio nella  verniciatura, VOC e SOV vengono rilasciati contemporaneamente in quanto la parte di vernice che si libera tramite i fenomeni di over spray è composta sia da  polveri che da solventi.La rimozione dei COV e dei SOV può essere realizzata utilizzando vari tipi di filtri.

La soluzione YachtGarage:

Yachtgarage utilizza appositi filtri polveri per i COV e filtri a carbone attivo per i SOV.

filtro polveriFILTRI POLVERI: realizzati in tessuto – non tessuto di lana di vetro questi filtri hanno la caratteristica di riuscire ad intercettare polveri con dimensioni anche molto ridotte ( fino a  2 µm) e possono raccogliere fino a 3000 g/m² di polveri a seconda dello spessore dei filtri.(c)(d)

 

 

 

 

tessuto carbone attivoFILTRI CARBONE ATTIVO: Yachtgarage utilizza due

diversi tipi di filtri al carbone attivo a seconda dell’utilizzo e delle dimensioni dell’impianto.
TESSUTO :  realizzato in tessuto – non tessuto impregnato di carbone       attivo di noci di cocco. Questo filtro ha la capacità di adsorbire tra il 15%   ed il 35% di solventi a seconda del suo spessore.

 

 

 

carbone attivo cilindrettiGRANULARE: interamente realizzato in granuli di carbone attivo di noci di cocco questo filtro ha la capacità di adsorbire fino al 90% di solventi a seconda delle dimensioni dei letti di carbone attivo.

 

 

 

 

Altro fattore importante da considerare è che, secondo le normative europee, non si può effettuare nessun tipo di lavorazione che produca inquinamento da SOV e COV all’aria aperta.  Ciò significa che lavori di falegnameria, le saldature, le sabbiature, le verniciature ed anche le verniciature a pennello non possono essere effettuate nei piazzali. In considerazione di tale prescrizione Yachtgarage ha sviluppato una ampia gamma di sistemi di aspirazione e trattamento dell’aria da utilizzare in abbinamento alle nostre strutture temporanee.

Scegliere il giusto sistema di trattamento:

Per meglio comprendere come effettuare la scelta del giusto tipo di sistema di trattamento dell’aria è importante valutare:
1) Le dimensioni interne della struttura temporanea
2) Le dimensioni delle imbarcazioni che saranno introdotte nella struttura temporanea per gli interventi di manutenzione o verniciatura.
Ad esempio: immaginiamo di avere una struttura temporanea con misure pari a       30*8*10 m (L*W*H) . I metri cubi di aria interni alla struttura saranno:
30x10x8=2.400 m³
Immaginiamo ora di dover verniciare un’imbarcazione di 25 m di lunghezza. I metri cubi dell’imbarcazione saranno:
25x(8/1,5)x(7/1,3) (L*W*H) = 717 m³
Da questo semplice calcolo riusciamo ad ottenere i m³  liberi all’interno della struttura.
2.400 m³ – 717 m³ = 1683 m³
Per ottenere un giusto riciclo dell’aria all’interno della struttura bisogna considerare un minimo di 50 cicli per ora. Per cui possiamo calcolare la potenza dell’impianto:
1683 m³ x 50 = 84.000 m³/h

Nel caso in cui si preveda di effettuare verniciature di imbarcazioni con dimensioni molto diverse ( ipotizziamo imbarcazioni da 12 m fino a 30 m) sarà allora necessario considerare nei calcoli quelle con dimensioni inferiori ed utilizzare degli estrattori dotati di tecnologia inverter in modo da poter regolare le portate a seconda del tipo di imbarcazioni che si andranno via via a verniciare.

Gli altri paramentri da considerare:

Infine, per effettuare una valutazione delle portate il più attendibile possibile è necessario anche considerare le perdite di efficienza degli impianti, la velocità in cabina, la velocità di filtrazione, i kg di carbone attivo necessari, i m² di filtri polveri ed anche la quantità di polveri e solventi che saranno prodotti durante le diverse lavorazioni.

 

Richiedi un preventivo